fbpx

Relazione attività 2016

Le attività dell’associazione Plus onlus sono rivolte principalmente alla popolazione LGBT/MSM (Lesbiche Gay Bisex Trans/Men who have Sex with Men) a seguito delle necessità di intervento emerse dalla raccolta dei dati epidemiologici sull’HIV riferiti alla città di Bologna, a nessun altro gruppo sociale viene tuttavia precluso l’accesso alle nostre attività e/o iniziative.

L’associazione si è dotata di vari strumenti di Comunicazione utili a diffondere le sue iniziative.
I principali sono:

  • sito web www.plus-onlus.it
  • pagina Facebook: facebook.com/PLUSonlus
  • un account twitter: twitter.com/plusonlus
  • una mailing list per iscritti all’associazione, simpatizzanti e volontari;

l’associazione si è inoltre dotata di un numero verde, 800.586992 denominato Positive Line, attiva mercoledì e domenica dalle 18 alle 22.

Plus onlus è inoltre iscritta in vari gruppi quali Google e Facebook e svolge attività informative nei locali del circuito ARCIGAY e ANDOSS. 

In occasione di iniziative di particolare rilevanza, oltre ad inviare comunicati stampa e utilizzare siti web di grande rilevanza per la popolazione LGBT, raggiungiamo il nostro target di riferimento attraverso social network specializzati nella conoscenza/incontro come ad esempio Planetromeo.com, dove l’associazione ha strutturato una guida.

A seguito della prosecuzione della convenzione/accordo con il comune di Bologna e Azienda USL di Bologna per la creazione del BLQ Checkpoint, primo centro in Italia gestito da persone LGBT sieropositive, nel 2016 le attività dell’associazione si sono concentrate principalmente nell’offerta dei test rapidi HIV e HCV nell’ambito di un progetto di ricerca sull’epatite C nei gruppi più vulnerabili, realizzato in collaborazione con l’ospedale San Raffele di Milano, eseguiti appunto nella sede di Via San Carlo 42/c Bologna, assegnataci dal Comune di Bologna.

L’accesso alle nostre attività è sempre libero, gratuito e, nel caso dei test rapidi, anche anonimo. L’accesso ai test può avvenire in modo diretto, nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 18 alle ore 21 ma per la maggior parte degli utenti avviene attraverso un appuntamento tramite le linee telefoniche oppure tramite email.

L’attività di testing e counseling nel 2016 ha registrato un crescente numero di presenze.
Al 31 dicembre 2016, dal punto di vista statistico, sono stati eseguiti 936 test per HIV (di cui 887 sono venuti per la prima volta al Checkpoint). I maschi in netta prevalenza rispetto alle femmine 683 contro 226, 27 di genere ignoto). La popolazione MSM (459) si equivale a quella eterosessuale (455); 22 le donne lesbiche. Emerge invece evidente che a frequentare il Checkpoint sono in maggioranza giovani sotto i 35 anni (627).
Gli esiti reattivi sono stati 8, tutti confermati e presi in carico dal centro clinico di riferimento.

Nel giorno di San Valentino (14 febbraio) abbiamo realizzato un’apertura straordinaria del BLQ Checkpoint registrando un flusso di accessi continuo, riscontrando grande soddisfazione dei partecipanti che, in particolare, hanno apprezzato la possibilità di effettuare un test rapido in un ambiente amichevole non ospedalizzato nel giorno di sabato in un orario (15-21) inusuale e comodo.

Dal 18 al 25 novembre 2016 in occasione della European Testing Week, a cui Plus aderisce ormai da quattro anni, è stato possibile, con la collaborazione dell’Azienda USL e dei volontari formati, realizzare una apertura quotidiana per una settimana negli orari consueti.

In collaborazione con l’Azienda USL d Bologna, abbiamo realizzato una formazione accreditata, diretta al personale volontario e sanitario che opererà presso il BLQ Checkpoint e altri centri.

L’associazione Plus ha collaborato sostanzialmente alla creazione e predisposizione del corso svoltosi dal 8 ottobre al 12 novembre 2016: due formatori e oltre 16 volontari partecipanti erano soci di Plus.

Sempre presso la sede sono stati realizzati i “Venerdì positivi”, incontri mensili dedicati agli uomini omo-bisessuali con HIV; un venerdì al mese si discute su un tema prescelto relativo alla vita delle persone con HIV in Italia.

Riteniamo inoltre utile ricordare che l’associazione fa parte della Commissione Regionale AIDS Emilia Romagna e partecipa al tavolo interaziendale AIDS.

In una rapida valutazione sugli obiettivi posti, è nostra opinione che avendo Plus come suoi obiettivi la diffusione di informazioni/materiali contro le infezioni a trasmissione sessuale, l’ampliamento dell’offerta del test per HIV in ambiente extra ospedaliero/ambulatoriale, comprendere i bisogni della comunità target, nell’anno 2016 tali obiettivi siano stati ampiamente raggiunti. Già dal 2015 Plus è stata riconosciuta come soggetto attendibile, dotato di professionalità e in grado di svolgere lavori accettati in importanti conferenze nazionali e all’estero.

Allegato: Rendicontazione 2016 per il Comune di Bologna